Connect with us

Serie B

Il calcio che non ci piace

Tra violazioni, ricorsi e battibecchi, scopriamo insieme perchè è un’estate rovente per la Lega Serie B.

Inutile girarci tanto intorno, il calcio italiano, dopo la non qualificazione mondiale, continua a registrare picchi di comicità. In un solo comunicato, la Lega, è riuscita a violare svariate regole e normative, a tal punto che anche un semplice ricorso potrebbe creare ancora più disordine (come se non fosse già abbastanza).

In sintesi, oggi si è parlato di Serie B a 19 squadre. Oggi.

Il regolamento prevede che per fare ciò è necessaria una delibera approvata dal consiglio federale, e che tale delibera deve essere “presentata, accolta e votata almeno due stagioni sportive prima, indicando specificamente il numero di retrocesse e di promosse”.

Ma come si può pensare di proporre una simile “soluzione” dopo un mese dall’apertura della nuova stagione?

Ragionandoci, le società interessate da questa assurda decisione (almeno 7), fin’ora hanno atteso un mese prima di muoversi sul mercato. Impensabile non facciano ricorso.

La piattaforma on demand Dazn, esordiente in italia quest’anno, ha acquistato i diritti per le partite di 22 squadre. Trovandosi con 3 squadre in meno si troverebbe anche con ingenti perdite di profitti, perdendo anche piazze importanti come Catania, che avrebbe senz’altro portato un bel bacino d’utenza alla piattaforma di streaming.

Tutto ciò lascia presagire un molto probabile slittamento del campionato di Serie B.

Come finirà la vicenda?

 

Comments
Advertisement

Facebook

Advertisement

vuoi ricevere gli articoli per email?

More in Serie B